Brunello di Montalcino DOCG Podere Brizio - Dievole

Brunello di Montalcino DOCG Podere Brizio - Dievole

Dievole
2016

CHF 46.90

Fast Delivery: entro 3-4 giorni (Lu-Ve) a casa tua!
Locarno e paesi limitrofi 24 ore

Condividi con:

Questo Brunello di Montalcino è stato ottenuto dalle uve dei nostri vigneti del sud. Crescono a sud ovest di Montalcino ad un’altitudine di 300-350 m slm verso il mare e la Maremma. Ecco la zona più calda di Montalcino. Il terreno è costituito da arenaria e marna rocciosa, che conferisce ai vini mineralità e buona struttura.

 

Vista: rosso rubino; Naso: aromi intensi, complessi, floreali, fruttati, tostati; Palato: asciutto, alcoli caldo, fresco, ricco di tannini, equilibrato, nobile

 

Il Brunello di Montalcino è intenso ed elegante. Viene vinificato in modo tradizionale. Dopo due settimane di fermentazione naturale e spontanea, il vino viene trasferito in grandi botti di rovere francese, dove matura per 38 mesi. Affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi. Il colore è rosso rubino con riflessi granati. Al naso è ricco e intenso, con note di frutta rossa matura e intriganti note di erbe aromatiche. Al palato risulta equilibrato con un’ottima acidità che dona vitalità e freschezza a questo vino molto elegante e complesso. Note di spezie, come il pepe nero, accompagnano il finale. Ottimo tannino morbido, che caratterizza il corpo stesso del vino.

 

Dievole è un angolo di Toscana noto da sempre per essere un piccolo paradiso terrestre. Qui il dialogo tra natura e uomo non si è mai interrotto e il motivo lo spiega il nome stesso: la radice del nome Dievole, infatti, si può far risalire al significato di “Dio vuole”.

Il nome Dievole appare per la prima volta ufficialmente nel XI secolo e precisamente il 10 maggio del 1090. In quegli anni l’islandese Leif Erikson scopre il Nord America, i cinesi scoprono la polvere da sparo, Bologna apre la prima università del mondo, Roma è invasa dai Normanni e Papa Urbano II conquista Gerusalemme. Quel giorno, si legge nel contratto del notaro Bellundo, vennero pagati due capponi, tre pani e sei ‘denari lucchesi’ di buon argento per l’affitto annuale di una vigna nella valle divina, a Dievole, appunto.

Otto secoli e innumerevoli generazioni dopo, un altro contratto racconta di Dievole. Questa volta è un dono di nozze. Il Conte Giulio Terrosi-Vagnoli regala la Tenuta, costata ben 361.632 Lire, alla sua futura sposa Ildegonda Camaiori che sarà l’ultima nobildonna di Dievole. A lei si deve un prezioso documento che è giunto intatto fino a noi: il Quaderno dei Saldi di Dievole, contenente tutti i nomi delle famiglie contadine di allora e quello del podere loro affidato. Nomi dietro ai quali si legge la passione della gente chiantigiana per la propria terra. Molti discendenti di quelle famiglie sono ancora qui.

PRODUTTORE

DENOMINAZIONE

ANNATA

NAZIONE

REGIONE

ZONA DI PRODUZIONE

VITIGNO

FORMATO

TIPOLOGIA

,

GRADAZIONE

TEMPERATURA DI SERVIZIO

ABBINAMENTO

, , , ,

200px compartimento della toscana.svg
logo dievole cantina vino toscana
Il carrello
Facebook Instagram WhatsApp WhatsApp TikTok Telegram

Sei maggiorenne?

Accesso vietato

Il tuo accesso è limitato a causa della tua età.

Ho 18 anni o più Ho meno di 18 anni